Difficoltà nello sviluppo terapeutico e problemi di conduzione del trattamento

Seminari di aggiornamento che il Centro Psicoanalitico di Firenze (sezione locale della Societa’ Psicoanalitica Italiana) organizza nei mesi di marzo e aprile 2005 presso l’Accademia Toscana di Scienze e Lettere, La Colombaria, Via S. Egidio 23/1, Firenze.


Nel corso di una psicoterapia si possono verificare delle difficolta’ che rendono problematica una corretta conduzione del trattamento, come ad esempio quando nel rapporto fra paziente e terapeuta si sviluppano sentimenti particolarmente intensi (transfert erotici) o quando vi si
infiltrano aspetti perversi che ne alterano le finalita’. Un altro rischio assai frequente e’ rappresentato dall’interruzione precoce del trattamento.

Talora indicatori di possibili evoluzione problematiche di questo tipo sono presenti, sebbene non facilmente individuabili, gia’ durante i primi colloqui di consultazione.

I due Seminari di Aggiornamento promossi dal Centro Psicoanalitico di Firenze intendono fornire a psichiatri e psicologi che conducono trattamenti psicoterapeutici strumenti di analisi della relazione terapeutica che affinino la loro capacita’ di riconoscere prontamente ed affrontare nel modo piu’ appropriato tali problematiche.

Il numero dei posti e’ limitato: chi e’ interessato, prenoti la sua partecipazione ai seminari il piu’ presto possibile, inviando un e-mail alla Segreteria del Centro Psicoanalitico di Firenze centropsi.fi@dada.it o al segretario amministrativo Francesco Carnaroli fcarnar@tin.it .

(Essendo questo il secondo invio del programma, chi si e’ gia’ iscritto non ha bisogno di ripetere l’iscrizione).

PROGRAMMA

Sabato 12 Marzo 2005

8,30 – 9.45 STEFANO BOLOGNINI
Psicoanalista (Societa’ Psicoanalitica Italiana e International Psychoanalytical Association) I transfert erotici

Tema del Seminario
All’interno di un contesto di fenomeni tradizionalmente problematici per la psicoanalisi, si presentano quattro tipologie di transfert erotici, con la descrizione della loro genesi dinamica e delle loro configurazioni cliniche di base: Transfert Erotizzato, Erotico, Amoroso e Amorevole. Il primo tipo e’ basato prevalentemente su modalita’ psicotiche, il secondo su un’alternanza di nevrosi e di difese perverse. Sia il transfert amoroso che quello amorevole corrispondono invece clinicamente a livelli diversi di immaturita’ lungo una linea di sviluppo potenzialmente sana, che chiede di essere portata a compimento nell’elaborazione dell’Edipo. Essi spesso provocano nell’analista un assetto difensivo ingiustificatamente e dannosamente rigido. Il caso clinico prescelto riguarda l’analisi di una donna che sviluppa un transfert amoroso, i cui aspetti difensivi sono meno importanti di quelli potenzialmente evolutivi, e che puo’ essere utilizzato per il trattamento. Ci si occupa infine dei “fattori di garanzia” dell’analista, che gli permettono di lavorare in analisi con le “forze altamente esplosive” di queste configurazioni transferali, mantenendo un assetto finalizzato, rigoroso, sensibile e sufficientemente creativo.

9.45 – 11.00 discussione

11.00 – 11,30 break

11.30 – 12.45 SANDRA FILIPPINI
Psicoanalista (Societa’ Psicoanalitica Italiana e International Psychoanalytical Association) Aspetti perversi nella relazione terapeutica

Tema del Seminario
L’autrice si propone di approfondire alcuni usi del concetto di perversione, intesa in particolare come modo di relazione e come tratto di carattere, piuttosto che come perversione sessuale. Viene fornita una descrizione della fenomenologia perversa cosi’ intesa e viene inoltre messo in evidenza il modo in cui il tratto perverso si manifesta nella relazione terapeutica, e i particolari problemi che esso pone nella conduzione del trattamento. Vengono proposte alcune brevi esemplificazioni cliniche.

12.45 – 13,30 discussione

***

Sabato 16 Aprile 2005

8,30 – 9.45 EMANUELE BONASIA
Psicoanalista (Societa’ Psicoanalitica Italiana e International Psychoanalytical Association) L’interruzione della terapia

Tema del Seminario
Riflessioni teoriche, cliniche e tecniche La mancanza di letteratura su di un tema cosi’ importante come l’interruzione del trattamento e’ piuttosto consistente.
A partire dal caso Dora (di cui si suggerisce una rilettura), in cui Freud si chiede quali errori tecnici possano aver determinato il fallimento della terapia, le argomentazioni che saranno svolte si basano su tre assunti: 1) in ogni interruzione, che rappresenta una ferita narcisistica per il
terapeuta, dobbiamo chiederci, seguendo l’esempio di Freud, quali fattori, personali e teorici, possano avervi contribuito; 2) nei colloqui preliminari e nel corso del trattamento sono rilevabili indicatori di un possibile rischio d’interruzione; 3) tali indicatori necessitano di essere affrontati
direttamente e prontamente col paziente per ridurre la frequenza di interruzioni.
Sebbene il fallimento sia per lo piu’ dovuto ad una difficolta’ della diade analitica, si possono tuttavia differenziare ragioni piu’ dipendenti dal paziente da quelle piu’ relative al terapeuta.
Particolare attenzione e’ dedicata ad enactements controtransferali e reazioni emotive dell’analista quando e’ posto dinanzi al rischio del fallimento, con alcune considerazioni di natura tecnica.

9.45 – 11.00 discussione

11.00 – 12.15 MARIA ALICE PIERONI
Psicoanalista (Societa’ Psicoanalitica Italiana e International Psychoanalytical Association) La consultazione psicoanalitica e la prognosi terapeutica

Tema del Seminario
Partendo da una breve rassegna della letteratura psicoanalitica sul tema del ‘primo colloquio’ si mettera’ in evidenza il ruolo della consultazione come momento determinante per la nascita e lo sviluppo di un progetto terapeutico.
Le esperienze di lavoro di molti servizi di consultazione ad orientamento psicoanalitico, tra cui quella del Centro Psicoanalitico di Firenze, contribuiscono a evidenziare la necessita’ di un assetto specifico per il primo colloquio.
Ci soffermeremo in particolare sul valore della consultazione come esperienza anticipatoria del futuro trattamento e potenzialmente predittiva di un’eventuale interruzione.

12.15 – 13.00 discussione

13.00 – 13.30 Compilazione da parte dei partecipanti del Questionario di Verifica dell’Apprendimento e della Scheda di Valutazione dell’Evento Formativo (ECM )

***
SEGRETERIA SCIENTIFICA: Stefania Nicasi stefanianicasi@virgilio.it

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Francesco Carnaroli fcarnar@tin.it

Centro Psicoanalitico di Firenze – Viale Don Minzoni, 39 – 50129 Firenze
Tel.(39)-055-571348 e-mail centropsi.fi@dada.it sito Internet: http://www.spi-firenze.it

ISCRIZIONE e MODALITA’ DI PAGAMENTO

Costo dei due seminari: 150 Euro + IVA 20% = 180 Euro E’ possibile iscriversi ad uno solo dei due seminari (costo: 75 Euro + IVA 20% = 90 Euro) senza pero’ aver diritto ai crediti ECM.
La quota di iscrizione comprende la partecipazione ai due seminari, l’attestato di partecipazione e la copia dei lavori. Il pagamento si effettua al momento della registrazione.
E’ stato richiesto l’accreditamento della Conferenza alla Comm.ne Nazionale E.C.M. ( Educazione Continua in Medicina) del Ministero della Salute.

Published in: on gennaio 14, 2005 at 12:48 am  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://pagineblu.wordpress.com/2005/01/14/difficolta-nello-sviluppo-terapeutico-e-problemi-di-conduzione-del-trattamento/trackback/

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: