Aldo Carotenuto

Aldo Carotenuto, esponente di punta della scuola junghiana e docente di Psicologia della Personalità all’Università La Sapienza di Roma, è morto l’altra notte a Roma.
Il suo ultimo articolo, pubblicato ieri da “Il Mattino”.


L’amore non può appartenere alla dimensione terrena, materiale.
Esso sfiora le nostre esistenze come una leggera brezza, che lascia dentro sensazioni impalpabili e indescrivibili, ma comunque travolgenti.

Tale dovrebbe rimanere e, in quanto tale, andrebbe vissuto: come una forza interiore che trasfigura il volto dell’amato, che stravolge il senso delle nostre azioni, che pervade di un’energia positiva le nostre giornate. Se proprio si vuol cercare un punto di contatto tra realtà e illusione, il movimento dovrebbe essere sempre dalla seconda in direzione della prima.

Viceversa, l’illusione non potrebbe che essere mortificata dalla dimensione costrittiva del reale. Con questo non voglio dire che bisogna lasciare via libera a quella «follia condivisa» che è l’amore, ma semplicemente che la sua energia vitale va impiegata, per portare avanti coerentemente e con maggior vigore la vita di tutti i giorni, lasciando poi uno spazio di incontaminata follia alla propria fantasia, un piccolo varco attraverso cui passare da una dimensione all’altra.

Platone parlava addirittura di «delirio divino», un’espressione esaustiva, adeguata e sufficiente per descrivere quella sorta di «rapimento estatico» di cui gli innamorati sono vittime e artefici.
Di fronte all’amato, l’amante prova un senso di incredibile pienezza e, contemporaneamente, ha il sentore di aver vissuto fino a quel momento in uno stato di privazione: la sua presenza è fonte di un benessere che sembra avere possibilità inesauribili.

L’esperienza sembra dirci che è la vicinanza a provocare il turbamento: colui o colei verso cui il nostro sguardo si dirige, ci cattura irrimediabilmente, stringendoci in un abbraccio emotivo caldo e travolgente. In verità l’amore vive e si alimenta di ciò che accade in noi, della nostra interiorità. L’essere su cui abbiamo fermato i nostri occhi e convogliato il nostro desiderio assume per noi un significato unico: è insostituibile perché soltanto egli può evocare in noi delle dimensioni interiori profonde e particolarissime. In verità, nella dinamica dell’incontro amoroso, si viene catturati, rapiti, da un oggetto che sembra essere dotato della qualità straordinaria di corrispondere esattamente all’interiorità del proprio desiderio.

Ecco perché lo stato di innamoramento ci pone sempre dinanzi a qualcosa di incomprensibile: l’Altro è atopos, cioè «inclassificabile», perché la sua distinzione implicherebbe anche la sua conoscenza. Per tutta la durata dell’innamoramento, il tentativo di porsi di fronte a ciò che è pieno di segreti e di fascino, rappresenta, in realtà, il tentativo di tradurre quel mistero e quell’attrazione sovvertitrice in una esperienza nota e comprensibile.
In effetti, giacché l’amore – e soprattutto l’innamoramento – ha i tratti di un’autentica visione, bisognerebbe capirne i limiti oltre alle potenzialità. Per quanto bella ed estatica una visione possa essere, di per sé non porta a nulla, se non all’immobilità della contemplazione.

Una visione nonpuò in alcun modo essere trattenuta, ma può trasformarsi in una diversa attitudine alla vita. Solo allora comincia quel periglioso percorso che dall’immagine conduce alla sua incarnazione, un cammino che ci tiene fino all’ultimo con il fiato sospeso. Capace di risvegliare in noi emozioni incontenibili, a volte anche negative, distruttive, quando le cose non vanno come vorremmo, quando un ostacolo si interpone alla realizzazione dei nostri sogni.

D’altra parte non possiamoparlare d’amore senza avere coscienza dei pericoli che esso cela.
Nel momento stesso in cui giuriamo eterno amore, ci rendiamo anche conto che si tratta di un «giuramento falso», di cui non possiamo garantire in alcun modo l’esito. Tutto è destinato a mutare, soprattutto le persone; così ogni promessa ha una buona probabilità di essere
dirottata.
Ma questo dovrebbe bastare per farci rinunciare alla seduzione di un’illusione? Può forse la prospettiva del fallimento trattenerci dal richiamo dell’amore? Non credo. Pur cercando di capire, di comprendere, non vorremmo mai abbandonare del tutto quell’illusione che, abbagliandoci, permette e sorregge il nostro innamoramento, lasciando sempre dietro di sé un richiamo nostalgico: il presagio di una nuova visione.

Aldo Carotenuto

Published in: on febbraio 16, 2005 at 11:12 am  Comments (64)  

The URI to TrackBack this entry is: https://pagineblu.wordpress.com/2005/02/16/aldo-carotenuto/trackback/

RSS feed for comments on this post.

64 commentiLascia un commento

  1. Se questo è l’ultimo articolo del mio amato professore,posso solo dire che ha amato sino alla morte

  2. L’ho amato come un pezzo di me.

  3. Anche Lui, come l’Altro, mi ha lasciato, pezzi d’anima che se ne vanno…

  4. Haiku dedicato ad Aldo Carotenuto

    Gratitudine
    della generosità
    dell’apertura.

    per dire il sentimento di commozione, il dispiacere che non ci sia più una persona sconosciuta ma cara, amica, intima e di valore per la straordinarietà e l’essenzialità di altre vie.

  5. Le sue parole, un prezioso nutrimento per l’anima. Un umile, grande maestro di pensiero.

  6. Ho letto i suoi libri…. la sua poesia mi ha aiutato a superari i drammi esistenziali, a elaborare i lutti sublimandoli… Mi ha dato tanto amore ,e so che la sua anima sta vibrando nell’universo e forse un giorno la incontrerò riconoscendone la dolcezza, l’amore e la purezza.

  7. Due cose mi hanno colpita tra le righe dei suoi libri: la generosità, il desiderio e la rara capacità di donarsi interamente all’altro, al lettore, e i messaggi di speranza per chi soffre per chi è fragile, con una incrollabile fiducia nel mistero della vita.
    Grazie.

  8. Ciao Professore………………

  9. nei suoi libri ho trovato scritto di me,come se mi avesse sempre conosciuto…mi ha insegnato a non rifiutare la mia “diversità”,a navigare più tranquilla e matura nei sotterranei della mia anima…ad affermare un’autenticità e una creatività che mi hanno salvata…

  10. Caro Professore mi manca tanto non poterle parlare, ma lei è dentro il mio cuore e seguendo il mio cuore sarò sempre con Lei

  11. Una genialità e una sensibilità senza precedenti…Grazie per il senso di umanità che ha usato nello scrivere ogni testo. Sono rammaricata dal non aver avuto il tempo per conoscerla di persona

  12. Non lo vedevo da circa 30 anni. Una vicenda dolorosa e per me incomprensibile ha separato brutalmente le nostre strade per sempre. Non ho mai smesso di stimarlo, ma non ho più avuto il coraggio di chiedergli la risposta alla disperata domanda che ha segnato la mia vita. La domanda era “perché?” e non potro mai più rivolgergliela.
    Addio Aldo. Hai portato via con te il senso di 30 anni della mia sofferenza.
    Ora sono sola col mio dolore e dovrò vivere con la tua assenza ormai irrecuperabile.
    Addio,
    Bambi

  13. Oggi ho ricevuto un gran dono da un uomo meraviglioso come Aldo Carotenuto, un indirizzo dove recarmi……., rimpiango di non averti mai conosciuto.

  14. Un grande della psicologia italiana che se ne è andato.
    Ciao Professore.

  15. Leggere i Suoi libri ha fornito nutrimento alla mia anima nel periodo peggiore della mia vita: la separazione dai miei figli.
    Grazie per la sensibilità, l’intelligenza, la lucidità e la profondità con la quale, semplicemente (…) con dei libri ha saputo cucire le mie profonde ferite.

  16. Un grande maestro di vita che se n’è andato ……

  17. Ciao Maestro , il suo pensiero , le sue opere e la sua umanita’ saranno sempre vive nella mia anima !!!

  18. Il vuoto che hai lasciato non si colma,il dolore non si placa.
    Uomo,analista ,maestro,unico,ineguagliabile.
    Mi manca tanto non poterle parlare, incontrarmi finalmente con la sua bellissima anima,la sensibilita’ profonda,la genialita’,la liberta’ di pensiero.Ci sei solo tu cosi’e anche
    LUI TI HA VOLUTO.Arrivederci carissimo professore

  19. qualsiasi messaggio si lasci è inevitabile cadere nello scontato di fronte a cosi tanta grandezza.Mi manca molto .

  20. GRAZIE PER LE SUA PERSONA , IL SUO MESSAGGIO, ESSENZIALI PER LA MIA VITA, PER TANTE VITE

  21. Parlavi del padre spirituale è questo sei stato e sei per me.. ti ho seguito per anni eper tanti ancora avrei voluto farlo..ora mi rimangono i tuoi insostituibili testi e i tuoi pensieri..grazie

  22. un grazie a un grande professore e scrittore i suoi suoi libri per me cosi importanti

  23. Avevo avuto notizie di lui e volevo incontrarlo, conoscerlo, ma all’improvviso… la sua scomparsa. Scomparsa? E’ piuttosto il dolore nel mio cuore per chi ha diffuso con la sua voce, parole necessarie a noi, uomini assetati di amore. Mi manca ciò che non ho mai avuto: la sua presenza vicina… Ma se non avessi neanche sentito di lui mi serebbe mancato completamente. Grazie Aldo.

  24. sono interessato ad un articolo pubblicato dal Dr.Aldo Carotenuto sul quotidiano il MATTINO, forse due-tre anni fa; il titolo era LASCIARSI E’ UN PO’ COME MORIRE. sarei grato a chi me lo potrebbe spedire al mio indirzzo e.mail – mimmo.farina@alice.it – ringrazio.

  25. Un grande maestro e insostituibile analista.
    Con commozione
    Una Sua cliente

  26. mi dispiace non averla incontrata prima nelle mie letture,lei ha la capacita’ di rispondere a tutte le domande che non ho mai fatto consapevolmente neanche a me stessa..il fluire dei miei sentimenti ha trovato una via..il librro “eros e pathos” e’ straordinario

  27. UNA STRAORDIANRIA VISIONE DELL’AMORE….

  28. Solo oggi scopro la tua partenza senza ritorno.Ho provato un senso di vuoto che voglio colmare leggendo i tuoi scritti che terrò legati a me per sempre in segno di grande rispetto e stima.Grazie per aver parlato di noi che pur amando l’impossibile riusciamo sempre e comunque ha riemergere.

  29. Vedi Aldo…….nn sei stato dimenticato.Qualcuno o molti si ricordano di te amore mio, e allora le mie lacrime,il mio dolore nn vogliono più essere silenziosi ma esprimersi attraverso il ricordo dei tuoi sorrisi della tua voglia di “esserci” della tua paura quando in un letto ormai distante mi hai detto “cosa sta succedendo”? E io nn ho avuto il coraggio di dirti che stavi morendo,ma ti ho stretto forte,ti ho baciato come prima…….Mi manchi amore…….mi mancherai sempre.

  30. stanotte,durante uno dei miei turni, ho trovato la notizia di questa morte da me temuta…e presagita.
    la lettura di due dei suoi libri mi ha aiutato profondamente in uno dei periodi di maggior buio della mia anima.
    grazie;per me sara’ un perenne riferimento e aiuto in questo periglioso percorso che e’ la nostra vita

  31. No,non e’stato dimenticato.Scoppia dentro ai nostri cuori,nelle nostre anime,nella mente.E’come se ne fosse andata l’anima dalla terra.Non c’e’piu’uno spirito bellissimo da incontrare,una persona che capisce tutto con cui parlare.Spero che dal vuoto e dall’immenso dolore nascano fiori,fiori di parole,di libri,di immagini da donare a chi ha sempre dato,
    a chi ha salvato molte vite,a chi ci ha insegnato a sperare nell’insperabile, a chi ci ha fatto condividere la bellezza del pensiero sottile e dell’intelligenza.A chi ha fortemente contribuito alla salvezza della mia vita. E anche oggi e’ la mia continua immagine di riferimento.E’la fiamma che illumina il cammino.Grazie

  32. un dolore terribile apprendere la notizia, solo ora.
    i suoi libri mi hanno illuminato la strada, reso meno difficile il cammino.
    impossibile dimenticarlo, sarà sempre nel mio cuore.

  33. Caro Prof
    molto di ciò che sono lo devo a Lei; quello che sarò sarà grazie a Lei. Grazie di tutto.
    Gianni

  34. Ho appena letto Eros e Pathos. Leggere certe parole mi ha restituito alla vita proprio nel momento in cui stavo per rinunciarci.
    Non l’ho mai conosciuto, se non per qualche rara apaprizione in televisione, mai banale….comunque lo ringrazio.

  35. Per tutta la luce che ha donato irreversibilmente un grazie per sempre e un augurio di altrettanta Luce.

  36. tra solo due giorni sono due anni che sei andato via…La ferita che hai lasciato dentro me non rimargina, ma tu mi hai insegnato che quella ferita è la via per scorgere la parte piu nascosta di me e se questo significa sentirti ogni giorno accanto come se non fossi andato via, beh restero li a scrutare la mia feritoia!vorrei solo che tutti quelli che ti amano facessero qualcosa perchè tutti sappiamo quale splendido uomo tu sei stato!aiutiamoci a non lasciarlo dimenticare e lui sara sempre vivo!BUON SAN VALENTINO PROF….

  37. SOLO OGGI SONO VENUTO A CONOSCENZA DI QUESTA SCONCERTANTE NOTIZIA.

    CIAO ALDO.

    SANDRO NULLO VINCENZONI SAINATI:
    sandro-nullo.blogspot.com

  38. Un caro e affettuoso pensiero, alla venerata memoria, del prof. Aldo Carotenuto.

  39. “Eros e pathos” mi ha insegnato a capire il valore ed il limite dell’Amore terreno. Mi ha accompagnato nella mia crescita. Durante la lettura di questo libro mi sono sentito tenuto per mano. E così “vivere la distanza” mi ha insegnato a far leva su me stesso e le mie capacità interiori; siamo una fonte di energia per noi stessi che pochi immaginano.
    Il dolore per la sua scomparsa è sempre vivo.
    Un Maestro di Vita.

  40. Ho sofferto sapendo della sua morte e continuo a chiedermi perchè. In fondo non ho mai sostenuto un esame con Lei, ma la intravvedevo spesso lungo i corridoi della nostra facoltà, e mi dava un senso di sicurezza. Addio Professore

  41. Che persona meravigliosa! Queste creature di cui si è grati a Dio per avercele date, non cessaranno mai di esistere. Essi vivranno sempre, essi saranno come quei fiori che si aprono alla luce, grati solo di spargere la loro fragranza.

  42. Every weekend i used to pay a visit this web site, because i want enjoyment,
    as this this website conations in fact nice funny stuff
    too.

  43. I truly seem to agree with everything that was written in “Aldo Carotenuto Il
    giornale di Blu”. Thank you for all of the actual advice.
    Regards,Veronica

  44. When some one searches for his necessary thing, thus
    he/she wants to be available that in detail, thus that thing is maintained over here.

  45. Nettle tea is effective because it contains antihistamine and anti-inflammatory
    compounds that help clear nasal passages. So why is drinking rooibos tea good
    for allergy relief. Cultivated in Egypt’s northern valley, we have combined the finest chamomile blossoms with the world’s
    most vibrant source of citral, lemon myrtle – found
    in the rainforests of Australia.

  46. Tremendous things here. I am very satisfied to
    look your post. Thank you a lot and I’m looking ahead to contact you. Will you please drop me a mail?

  47. I’m not positive the place you are getting your information, however great topic. I needs to spend a while studying much more or understanding more. Thank you for wonderful info I was in search of this information for my mission.

  48. That was the two appealing as well as insightful! Thanks for sharing your
    ideas with us.

  49. We’re a gaggle of volunteers and opening a brand new scheme in our community. Your web site provided us with useful info to work on. You’ve performed a formidable activity and our whole neighborhood will be thankful to you.

  50. Link exchange is nothing else however it is just placing the other person’s webpage link on your page at proper place and other person will also do same in support of you.

  51. Very good article. I am dealing with some of these issues as well.
    .

  52. You can definitely see your expertise in the article you write.
    The world hopes for more passionate writers like you who are not afraid
    to mention how they believe. At all times go after your heart.

  53. I am regular reader, how are you everybody? This paragraph posted at this web site is in fact pleasant.

  54. Hello! Someone in my Myspace group shared this
    site with us so I came to take a look. I’m definitely enjoying the information. I’m bookmarking and will be tweeting this to my followers!
    Excellent blog and brilliant design.

  55. Drop down a string, the nylon string and the A note on
    the 12th fret, it means the string hasn’t gone completely into the lock. Again, be sure there’s about a 1/4″ gap at the front of the strings attach. Of course, I shielded the inside of the control cavity there, but if you practice using all of your Guitar Case For Dbz Imperial.

  56. Hi there! Do you know if they make any plugins to assist with Search
    Engine Optimization? I’m trying to get my blog to rank for some targeted keywords but I’m not seeing very good gains.

    If you know of any please share. Thanks!

  57. If you are going for most excellent contents like I do, simply pay a visit this site daily as it
    presents quality contents, thanks

  58. What’s up, yup this piece of writing is really pleasant and I have learned lot of things from it regarding blogging. thanks.

  59. Greetings from Los angeles! I’m bored at work so I decided to browse your site on my iphone during lunch break. I really like the info you provide here and can’t wait to take a look when I get home.
    I’m surprised at how fast your blog loaded on my phone .. I’m not even using WIFI, just 3G .

    . Anyhow, wonderful site!

  60. No matter if some one searches for his required thing, so he/she
    needs to be available that in detail, thus that thing
    is maintained over here.

  61. Ahaa, its good discussion regarding this piece of writing at this place at this blog,
    I have read all that, so now me also commenting at this place.

  62. What’s up friends, good piece of writing and good urging commented here, I am in fact enjoying by these.

  63. You made some really good points there. I looked on the web to find out more about the issue and found most individuals will
    go along with your views on this website.

  64. Greetings! Quick question that’s completely off topic. Do you know how to make your site mobile friendly? My website looks weird when browsing from my iphone4. I’m trying to find
    a template or plugin that might be able to correct this issue.

    If you have any suggestions, please share. With thanks!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: