Comunicare e comprendere i fatti clinici

Seminario con David Tuckett.
Centro Psicoanalitico di Firenze -Società Psicoanalitica Italiana – Associazione Fiorentina di Psicoterapia Psicoanalitica. Sabato 22 ottobre 2005, Accademia Toscana di Scienze e Lettere La Colombaria, Via S. Egidio 23/1 – Firenze


Moderatore: Stefania Nicasi
9.00 Linda Root Fortini presenta David Tuckett
9.15 David Tuckett Comunicare e comprendere i fatti clinici
10.15 Maria Ponsi discute la relazione di David Tuckett
10.30 Discussione con il pubblico
11.00 Intervallo
11.30 David Tuckett Presentazione di materiale clinico
12.30 Discussione con il pubblico

David Tuckett
Membro ordinario e didatta con funzione di training della Società Psicoanalitica Britannica, già Direttore della International Journal of Psychoanalysis, membro fondatore della New Library of Psychoanalysis, Past President della Federazione Europea di Psicoanalisi
Stefania Nicasi
Membro associato della Società Psicoanalitica Italiana
Segretario Scientifico del Centro Psicoanalitico di Firenze
Maria Ponsi
Membro ordinario della Società Psicoanalitica Italiana
Linda Root Fortini
Membro ordinario e didatta con funzioni di training nell’Associazione Fiorentina di Psicoterapia Psicoanalitica
Segretario Scientifico della Associazione Fiorentina di Psicoterapia Psicoanalitica

Comunicare e comprendere i fatti clinici
La discussione clinica con colleghi aiuta l’analista a mettere a fuoco il lavoro con il paziente e a comprendere ciò che succede in seduta. Una modalità di lavoro importante per lo sviluppo della teoria e della tecnica in quanto offre interpretazioni alternative dei significati inconsci delle parole e delle azioni sia del paziente sia dell’analista. E’ raro che nel nostro ambiente il materiale clinico sia presentato in modo dettagliato e la presentazione clinica tende ad essere considerata una supervisione piuttosto che una discussione scientifica. Portare del materiale nella forma della breve vignetta clinica serve per illustrare una particolare problematica ma non dà ai colleghi che ascoltano l’opportunità di mettersi nei panni dell’analista al lavoro. La presentazione clinica invece deve descrivere ciò che è stato detto, in modo che si possa distinguere cosa il paziente ha detto, cosa l’analista ha sentito, cosa l’analista ne ha pensato e cosa ha detto e perché. Nel narrare la seduta l’analista presenta un processo dove egli stesso è parte vitale: è dentro la relazione come osservatore partecipe e il significato di ciò che dice nella seduta è soggettivo.
Nel tentativo di comunicare il suo materiale clinico agli altri egli dice più di quello che sa coscientemente. Questo fenomeno rappresenta una forza e non una debolezza del metodo di lavoro. L’analista può portare il materiale in modo che l’esperienza della presentazione clinica e le risposte dei colleghi che ascoltano – come la risposta del paziente alle interpretazioni in seduta- sia parte essenziale nella comprensione del processo psicoanalitico. Secondo David Tuckett la discussione clinica con i colleghi è il modo più stimolante di comprendere il proprio lavoro con i pazienti.
Permette all’analista di riflettere sulla propria esperienza e di scoprire nuovi significati nel materiale. Promuove anche quella culture of enquiry -essenziale al futuro della psicoanalisi- che consiste nella possibilità di confrontarsi con i colleghi, di definire e riconoscere i fatti clinici, di
mantenere infine un atteggiamento aperto al cambiamento e una disponibilità ad essere sorpresi.

Modalità di Iscrizione
Quota d’iscrizione: 40 euro più IVA 20 % (8 euro). Per gli studenti forniti di tessera 30 euro più IVA (6 euro).
La quota di iscrizione comprende la partecipazione al seminario e l’attestato di partecipazione.
E’ prevista la traduzione simultanea a cura del Prof. Aldo Grassi.
Il numero dei posti disponibili è limitato: chi desidera prenotarsi può farlo scrivendo a centropsi.fi@dada.it entro e non oltre il 15 ottobre 2005.

Il pagamento si effettua al momento della registrazione.
Il Dr. Tuckett discuterà i temi, riguardanti la comprensione e la comunicazione dei fatti clinici, che egli ha sviluppato in due articoli, pubblicati sull’ ‘International Journal of Psychoanalysis’: Tuckett D. (1993) ‘Some Thoughts on the Presentation and Discussion of the Clinical Material of Psychoanalysis’. Int. J. Psycho-Anal., 74:1175-1189. Tuckett, D. (1994). ‘Developing a Grounded Hypothesis to Understand a Clinical Process: The Role of Conceptualisation in Validation’. Int. J. Psycho-Anal., 75:1159-1180.
Questi testi saranno inviati in attachment a chi, essendosi prenotato, li richiederà. Inoltre per gli iscritti verranno anche preparate fotocopie della traduzione italiana dell’articolo del 1993, “Alcuni pensieri sulla presentazione e discussione del materiale clinico in psicoanalisi”.

INVIO A CURA DEL
CENTRO PSICOANALITICO DI FIRENZE
SEZIONE LOCALE DELLA SOCIETA’ PSICOANALITICA ITALIANA
VIALE DON MINZONI 39
50129 FIRENZE

SERVIZIO DI INFORMAZIONE E CONSULTAZIONE:
FIRENZE tel: 055-571348 PISA TEL. 050.20051

e-mail centropsi.fi@dada.it
Home page http://www.spi-firenze.it

Published in: on settembre 26, 2005 at 1:38 am  Lascia un commento  

The URI to TrackBack this entry is: https://pagineblu.wordpress.com/2005/09/26/comunicare-e-comprendere-i-fatti-clinici/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: